“Please”, “Sorry”, “thank you”, “excuse me”.

Ecco le parole che sentirete usare maggiormente se state passeggiando per le vie di Londra, se qualcuno vi passa davanti mentre state guardando una vetrina a Brighton oppure  se fate passare qualcuno davanti a voi anche quando non è dovuto.. In qualsiasi luogo in cui si parla l’inglese  non potrete fare a meno di sentire SORRY o THANK YOU per qualsiasi cosa, anche quando ,per voi, non sembrava necessario.

Nella grammatica inglese non abbiamo una vera e propria parola per dare del lei come nella lingua italiana. Per questo è necessario , nella realizzazione di frasi formali, inserire parole garbate e rispondere in modo appropriato scandendo le parole per favore e grazie .

Per gli Inglesi questo è davvero importante, a volte più importante della grammatica inglese , quindi della corretta formulazione di frasi, o anche dell’accento. Se usate queste parole non potete che fare una bella figura oltre che essere educati e cordiali.  

Nel prossimo viaggio che farete: Londra, Dublino, Edimburgo, Belfast o in altri paesi anglosassoni provate a notare questo particolare, vi stupirete della frequenza con la quale vengono ripetute queste parole.

Qualche anno fa ho potuto scoprire ,  in una scuola materna a Dublino, come i bambini ,anche quelli più piccoli, venissero educati con questa regola : Be kind, be polite (sii gentile, sii educato). Si inizia con canzoni educative come la canzoncina per bambini  ,(in inglese Nursery Rhymes)  ,“PLEASE AND THANK YOU “ queste magiche parole che ti rendono educato e garbato. Mentre ai bambini più grandicelli gli si insegna a scusarsi e abbracciarsi se si è fatto un bisticcio con un altro compagno.

Potremo prendere un bello spunto da questi nostri amici Inglesi, una “parolina magica” in più non guasta mai.